Lungo la linea ferroviaria sono presenti degli UPS dotati di batterie, per sopperire ad un eventuale carenza dell’alimentazione di rete. Questi sistemi devono garantire un supporto fino all’avvio del gruppo elettrogeno alimentato con carburante. Gli scopi di impiego sono molteplici, dall’alimentazione degli impianti di segnalazione, agli apparati delle stazioni e all’alimentazione del locomotore.

Prodotti in evidenza:

Manutenzione batterie in serie

Solitamente in stazione e in alcune sottostazioni elettriche è presente una sala batterie che contiene le diverse decine di batterie collegate in serie per raggiungere il livello di tensione necessario alla funzione di back up dell’alimentazione di rete. Tali batterie sono di diversa natura, possono avere taglia e tenuta diverse, a seconda del tipo di impianto installato; è fondamentale installare batterie funzionanti ed effettuare una manutenzione periodica l’intera serie.

Il protocollo di manutenzione prevede quindi un controllo periodico; in assenza di uno strumento adeguato che possa fungere da datalogger, il manutentore è costretto a prendere appunti durante le misure.

Il battery tester Fluke BT521 permette di verificare il corretto stato delle batterie tramite la misura di tensione DC e resistenza interna di ogni elemento. È possibile infatti definire sullo strumento diverse informazioni che descrivono precisamente dove è situato e come è composto l’impianto da monitorare.

Le informazioni richieste sono:

  • Nome del Sito:
  • Nome del Dispositivo:
  • ID Dispositivo:
  • Stringa Batteria:
  • Numero Batteria:
  • ID Avvio Batteria:
  • Tipo di Batteria:
  • Capacità:
  • Ora di Misura:
  • Ora di Modifica:

In tal modo è possibile salvare una scheda per ogni sito dell’unità manutentiva territoriale in modo da richiamarla in ogni intervento di manutenzione ordinaria o straordinaria. Inoltre, questo permette di avere dei salvataggi delle misure nel corso del tempo per un veloce confronto.

Misure di tensione DC e resistenza interna

Le misure possono essere condotte direttamente sul sistema, senza assoluta necessità di scollegare o collegare nulla. Questa modalità di misura rispecchia le condizioni di normale funzionamento del sistema, massimizzandone l’attendibilità. Condurre, altrimenti, misure in modalità diverse non darebbe certezza di avere lo stesso funzionamento delle batterie in modalità operativa. Le misure avvengono tramite iniezione nella serie di qualche milliampere a 1KHz, completamente sicura per i sistemi di protezione.

Solitamente l’aumento della resistenza interna dell’elemento è indice del peggioramento dello stato della batteria che, in caso di intervento, potrebbe non rispondere correttamente. È possibile perciò definire delle soglie di tensione e resistenza interna relative alle particolari batterie installate, sono entrambi dati che possono essere ricavati dalla scheda tecnica del fornitore delle batterie o empiricamente tramite una prima sessione di misure esplorativa, lo strumento infatti mostra sempre il valor medio di tutti gli elementi misurati nella sessione.

Misure automatiche in serie

Una volta impostate le soglie si possono attivare degli allarmi visivi (LED colorati) e sonori (voce), lo strumento avviserà l’operatore dello stato della batteria tramite un’indicazione di PASS/WARNING (oltre il 20%)/ FAIL (oltre il 50%) senza che l’operatore guardi direttamente lo strumento. Questo permette all’operatore di muoversi liberamente nella sala batterie, lasciando lo strumento attaccato alla cintura o in un punto metallico facilmente accessibile (tramite accessorio magnetico TPAK), le misure avverranno in serie, su ogni singolo elemento, senza necessità di premere alcun pulsante, lo strumento salva la misura della batteria attuale e si sposta sulla cella successiva automaticamente in attesa della misura successiva.

Tutte le misure sono visibili anche sul puntale intelligente fornito di default.

Alla fine della sessione di misura le batterie non funzionanti o necessarie di manutenzione saranno facilmente evidenziate sullo strumento

Software Fluke Battery Management

È possibile scaricare tutti i dati salvati sul PC tramite il software Fluke Battery Management e tenerli in memoria in una struttura ad albero. Questa modalità di salvataggio permette un facile confronto nel tempo delle misure. Il software permette di generare facilmente un rapporto di misura evidenziando, tramite grafici, le eventuali batterie che necessitano di attenzione; sarà possibile visualizzare la tabella delle misure di ogni elemento con l’evidenza di eventuali “warning” e “fault”.

 

 

 

È possibile inoltre salvare i grafici di tensione, resistenza interna e temperatura del polo negativo. Nelle lance di misura del BT521 è presente un piccolo sensore IR che permette la misura di temperatura, utilissima per valutare lo stato degli elementi.

Misurare tensione in AC e DC e corrente nell’impianto

Con il BT521 è inoltre possibile misurare tensione in AC e DC e corrente nell’impianto, così come misurare la tensione delle batterie in fase di scarica delle stesse. In tale modalità è necessario mettere in erogazione funzionale la serie delle batterie e andare a misurare a intervalli regolari, su almeno 3 o 4 punti per la fase di scarica, la tensione DC di ogni elemento. È lecito aspettarsi una curva esponenzialmente decrescente ed è lecito aspettarsi che tutti gli elementi si comportino allo stesso modo e abbiano curve simili. Se invece si dovessero riscontrare linee di scarica piatte o decadimenti troppo rapidi si potrebbero dedurre funzionamenti anomali di quegli elementi.

Con il Fluke BT521 vengono fornite lance intelligenti di diversa lunghezza, per raggiungere anche le batterie stoccate negli armadi, i puntali per misure in tensione, la pinza per la misura di corrente con l’adattatore necessario.